giovedì , aprile 27 2017
Home / Storia

Storia

CNA Pistoia nasce il 19 aprile 1953 ad opera di un gruppo di artigiani pistoiesi che decisero di raccogliere l’appello della “Confederazione Nazionale dell’Artigianato” gettando le basi per la creazione di un’associazione che negli anni è cresciuta conducendo una lunga serie di battaglie, molte delle quali vinte, in difesa del mondo dell’artigianato e della piccola e media impresa pistoiese.

L’associazione nasce inizialmente con il nome “L’Artigianato Pistoiese”. Fino ad allora gli artigiani pistoiesi erano stati rappresentati unicamente dalla Confederazione Generale dell’Artigianato, quella che oggi è nota come Confartigianato. La nascita quindi della nuova associazione facente parte del mondo CNA viene letta da molti come una scissione di alcuni rappresentanti del mondo della piccola e media impresa che non si sentivano adeguatamente rappresentati.

 

“Noi Artigiani, per ovvi motivi politici, ma non solo, non ci sentivamo rappresentati in modo adeguato dalla Confartigianato e quindi pensammo di fondare la CNA con la speranza di ottenere qualcosa in più, soprattutto dal punto di vista dei diritti”.

Mario Innocenti

(La CNA e gli imprenditori artigiani – Documenti e appunti per una storia pistoiese)

 

Erano gli anni del dopoguerra, quelli del boom economico e il paese stava subendo profonde modifiche. È proprio in quel fermento che il mondo dell’artigianato stava crescendo e sentiva sempre più pressante l’esigenza di una rappresentanza forte e solidale, che rispondesse alle sue tante istanze, prima fra tutte il riconoscimento dei propri diritti.

È con queste premesse che getta le sue radici l’associazione il cui primo Consiglio Direttivo, composto da tredici artigiani, viene eletto lo stesso giorno della fondazione in uno “stanzino” della Corale Mabellini in via della Madonna, nel pieno centro della città.

Fin dai primi anni la CNA intraprende un cammino volto all’intervento diretto su tutti i problemi della categoria, riscuotendo un successo crescente che si concretizza nell’aumento progressivo degli associati e nell’estensione del gruppo dirigente artigiano che viene affiancato da un gruppo di funzionari.

“…i nostri rappresentanti andavano bottega per bottega […] fu soprattutto con le grandi iniziative di alcune categorie che conquistammo una larga maggioranza fra gli artigiani. I tessitori ad esempio fermarono i telai per oltre venti giorni. Altre grandi iniziative quali quella degli autotrasportatori, degli acconciatori, degli idraulici e di altri ampliarono la nostra associazione”.

Sergio Cipriani – Segretario CNA Pistoia 1958/1975

 

Alla sede centrale in via del Duca si aggiungono uffici dislocati nei vari territori: Montecatini, Pescia, Ponte Buggianese, Larciano, Lamporecchio, Agliana, Quarrata.  Nel 1963 la sede viene poi spostata in via della Madonna n. 33, dove rimarrà per lungo tempo.

Sono gli anni ’70 quelli in cui nascono i presupposti per un ulteriore cambiamento dell’associazione. Nel luglio del 1971 viene istituito il patronato EPASA e poco dopo nasce il Centro Servizi per l’Artigianato che si occupa di consulenza tributaria, gestionale ed amministrativa. Nel 1978 viene costruita quella che è tutt’ora la sede principale dell’associazione nell’allora nascente zona industriale della città, Sant’Agostino.

Gli anni Ottanta vedono una progressiva qualificazione e specializzazione delle funzioni e dei servizi volti allo sviluppo delle imprese. Vengono fatti investimenti in formazione, promozione e valorizzazione commerciale dell’artigianato. Gli anni Novanta fanno compiere un ulteriore passo verso l’internazionalizzazione, servizio su cui CNA si specializzerà sempre di più consapevole dello sbarco del mondo dell’artigianato nei mercati esteri. Gli anni Duemila infine sono quelli della svolta tecnologica verso l’informatizzazione.

Oggi la CNA pistoiese è una realtà che conta circa 4000 associati e oltre un centinaio di collaboratori. Oltre alla sede centrale ha altri sette uffici dislocati nei Comuni di Larciano, Campo Tizzoro, Borgo a Buggiano, Monsummano, Quarrata, Montale e Agliana. Attraverso i propri collaboratori e le sue società offre servizi sempre più attenti e specializzati alle proprie imprese e continua ogni giorno a adempiere al proprio compito di rappresentare gli artigiani e le piccole e medie imprese pistoiesi attraverso le proprie rivendicazioni sindacali per la crescita dell’economia e del benessere sociale di tutto il territorio.